TERRA MATTA Prima e seconda parte

Prenota per:


€10,00

Sono socio
Non sono socio


27 gennaio ore 21.00
28 gennaio ore 16.00

Ispirato all’omonima opera letteraria di V. Rabito (G. Einaudi ed.)
Con:
Stefano Panzeri   Regia e produzione: Stefano Panzeri

Terra Matta è un progetto che parte dall’omonima autobiografia di un bracciante siciliano semianalfabeta classe 1899: in 1027 pagine dattiloscritte senza margini, con il punto e virgola a dividere una parola dall’altra, in una lingua grezza e infarcita di sicilianismi, Vincenzo Rabito racconta la sua vita e con essa la storia del nostro Paese da un punto di vista unico.

La prima parte (1899-1918) è il racconto in prima persona dell’immane e intimo sforzo di emanciparsi dalla miseria; la vicenda umana del protagonista scorre in un intreccio di grande e piccola storia sullo sfondo della poverissima Italia rurale di inizio secolo, sorpresa e dilaniata dalla Grande Guerra, l’Italia sacrificata, l’Italia delusa da una vittoria “fragile” .

La seconda parte  (1918-1943) racconta lo sforzo di rialzarsi dopo la Grande Guerra, il Fascismo e il ritorno della guerra. Sullo sfondo degli eventi di quegli anni scorre la storia di Vincenzo e quella di Lina e Saverio, personaggi nati dai ricordi degli italiani emigrati in quel periodo in Argentina, raccolti con il progetto teatrale sulla memoria migrante italiana Oltreoceano.

La terza parte di Terra matta è in programma per i giorni 2-3-4 febbraio 2018.

Ingresso: 10,00 Euro con tessera associativa
Prenotazione:  necessaria e gratuita su www.teatroofficina.it | Tel. 02.2553200


Top