Cinquant’anni di Teatro Officina al Chiostro del Piccolo Teatro

Prenota per:

ven 18 febbraio 2022 alle 17:00

Scegli tra una delle date disponibili per l'evento

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

Venerdì 18 febbraio ore 17
Chiostro del Piccolo Teatro – Via Rovello 2 – Milano

Presentazione del docu-film per i cinquant’anni del Teatro Officina
(Regia e montaggio video Riccardo Alessandri)
Un docu-film che tratteggia una storia teatrale anomala, iniziata negli anni ’70 nella sala di viale Monza 140, proseguita poi attraverso la pratica del teatro sociale realizzato con intere comunità (i contadini di Olevano, gli ex operai di Sesto San Giovanni, gli stranieri di via Padova, i senza dimora di Casa Jannacci, ecc.). Nel documentario interviste ai protagonisti si intrecciano con filmati e foto di archivio.

A seguire

Reading di Massimo de Vita: la poesia degli incontri
Massimo de Vita affida la cifra espressiva, che è estetica ed etica insieme del suo fare teatro, al tema dell’incontro. L’incontro con l’altro apre nuove prospettive e diviene per de Vita l’incontro con alcune persone che – proprio grazie alla poesia – hanno costellato la sua pratica teatrale: da Giorgio Strehler e le poesie imparate con lui alla scuola del Piccolo Teatro nel 1956, a quelle dei poeti e amici Giacomo Noventa e Franco Loi, fino al poeta operaio Ferruccio Brugnaro e all’amico di sempre, drammaturgo e letterato, Sandro Bajini.

IL TEATRO OFFICINA

Il Teatro Officina è l’unica esperienza viva e vitale dopo 50 anni della stagione del “decentramento teatrale”, nato negli anni ’70 grazie alla visionarietà di Paolo Grassi e alla necessità culturale di fare teatro in tutta la città, in centro come nei territori. Ha prodotto decine di spettacoli, inventato negli anni ’90 Teatro nei cortili, costruito storie di palcoscenico attraverso un dialogo profondo con un’umanità di cui ascolta le testimonianze riportandone poi le parole e i corpi in scena. Una storia teatrale anomala, strettamente intrecciata alla storia della Milano che sa accogliere e sa sperimentare nuove strade per creare comunità.

RICCARDO ALESSANDRI
Nasce a Torino nel 1981, ma le sue origini sono legate ai laghi vulcanici e ai monti Cimini della provincia del viterbese. Si diploma in fotografia e arti cinematografiche, si laurea in storia e critica del cinema al DAMS di Torino e alla facoltà di rappresentazioni audiovisive e multimediali con una tesi in storia contemporanea. Ha svolto diverse esperienze a contatto con il mondo della comunicazione, della pubblicità, della fotografia e della televisione.
Dal 2000 collabora con Rai 2 Rai 3 e Sky per reportage e documentari come “Ricchi e poveri” “L’approdo” “La difesa della razza” e “Restart”. Con Rai Gulp e Yoyo si impegna nella realizzazione di programmi televisivi dedicati ai ragazzi, “GoWild animali in città” è l’ultimo dei lavori realizzati.
Nel 2019 vince con Mario Acampa il premio Moige come miglior trasmissione televisiva per adolescenti, dedicata alla divulgazione dell’opera lirica in onda su Sky classica.
Nel 2020 dirige sempre con Mario Acampa, alle Ogr di Torino, “L’Anfora di Clio”, opera dedicata alla lotta al cyberbullismo selezionata fuori concorso al Torino Film Festival e al Dumbo Film Festival di New York.
Nel 2021 inizia a lavora attivamente con il teatro Alla Scala per il progetto “Lalla e Skali”.
La sua conoscenza della creatività digitale, applicata alla fotografia, è qualcosa che ha sempre affrontato fin dagli studi superiori e ancor prima quando suo papà gli regalò la prima Zenit analogica e il primo super 8. Da quella esperienza arriva la sua passione per l’arte, il cinema, la fotografia, il design e l’immagine creativa nelle sue svariate forme.

GLI EVENTI PER I NOSTRI 50 ANNI
50 anni di vita teatrale feriale e diurna, non circoscritta agli spettacoli serali in scena ma dispiegata di giorno dentro la vita delle persone concrete incontrate in decenni di teatro sociale: i contadini di Olevano, gli ex operai di Sesto S. G, gli stranieri di via Padova, i medici e i malati degli ospedali, i dislessici e gli Asperger che abbiamo portato in scena come protagonisti assoluti. In scena in gennaio al Teatro Officina, con filmati d’epoca, interviste ai testimoni, reading. In febbraio una giornata di festa e poi appuntamenti in tre teatri cittadini (al Piccolo Teatro, all’Elfo Puccini e al Teatro della Cooperativa), una mostra fotografica, un libro sulla nostra storia.

Ingresso gratuito con super green pass e mascherina ffp 2

Prenotazione: necessaria e gratuita su www.teatroofficina.it | 02.2553200


Top