SERATA PER IL POPOLO CURDO

Prenota per:

sab 18 febbraio 2017 alle 20:30

Scegli tra una delle date disponibili per l'evento

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

KOBANE, SYRIA - SEPTEMBER 30: Kurdish children chant slogans and flash V signs in the besieged Kurdish city of Ain al-Arab (known as Kobane by the Kurds), September 30, 2014 in Kobane, Syria. Islamic State militants still held their positions around 2 kilometres west of Kobane inside Syria, witness said, with Kurdish positions the last line of defence between the fighters and the town. Kobane sits on a road linking north and northwestern Syria and Kurdish control of the town has prevented Islamic State fighters from consolidating their gains, although their advance has caused more than 150,000 Kurds to flee to Turkey since last week. (Photo by Ahmet Sik/Getty Images)

(Photo by Ahmet Sik/Getty Images)

La rivoluzione dagli occhi brillanti
Un omaggio ad un piccolo popolo coraggioso che con le sue sole forze sfida l’ISIS, un nemico comune anche all’Occidente e che ha come punto di straordinarietà la relazione con le donne rappresentando in ciò una felice eccezione in Medio Oriente.

A cura di UIKI Onlus (Ufficio informazione del Kurdistan in Italia)
Proiezione del documentario Nu Jin/ Vita nuova dedicato a cinque combattenti morti a  Kobane
Massimo de Vita legge Poesie di Abdullah Ocalan e di Ali Haydar Kaytane, “La rivoluzione dagli occhi brillanti” – diario di un combattente di Kobane.

L’incasso della serata sarà interamente devoluto al progetto Bimbi di Kobane.

 UIKI Onlus è l’Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia.
Fin dalla sua nascita si occupa di fare informazione sulla questione kurda sia in Kurdistan che in Europa, mentre nello specifico si occupa di fornire informazioni sulla repressione, la discriminazione e la guerra contro il popolo kurdo nei quattro paesi in cui il Kurdistan è stato diviso nel 1923 con il Trattato di Losanna, dove il popolo kurdo è stato separato e costretto a subire gravi forme di discriminazione ed esclusione.
A UIKI lavorano sia kurdi che italiani per presentare la questione kurda su tematiche come la lotta contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne, l’opposizione all’utilizzo della tortura nelle prigioni, la battaglia civile contro la vendita di armi, oppure la sensibilizzazione per il rispetto dei diritti umani in Turchia, l’opposizione alla guerra, la libertà di stampa e d’opinione, la condizione dei minori o il fenomeno dell’immigrazione.

Ingresso: 10,00 Euro con tessera associativa. L’incasso sarà interamente devoluto al progetto Bimbi di Kobane.

Prenotazione:  necessaria e gratuita su www.teatroofficina.it | 02.2553200


Top