La vita distratta

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

Dramma in nove quadri tratto dal romanzo “Si è fatto tutto il possibile”
di Marco Venturino (edizioni Oscar Mondadori)

Di Marco Venturino | Regia di Massimo de Vita | Con Pierluigi Durin, Daniela Airoldi Bianchi, Andrea Di Gregorio, Mario Pizzamiglio, Alessandra Mustari e Pietro Versari | Scenografie Luca Martinelli e Alice Benazzi| Costumi Francesca Dell’Orto | Luci Beppe Sordi prima nazionale

Il professor Mario Venturi, primario anestesista, è un noto e affermato professionista che, per una banale distrazione, commette in sala operatoria un errore dalle tragiche conseguenze. Per difendere la fama, il successo e il potere che ha sempre pervicacemente perseguito, il medico tenta di far passare il proprio sbaglio sotto silenzio. Ma qualcosa nel meccanismo di protezione si incrina e Venturi si trova a dover fronteggiare tutte le altre “distrazioni” che hanno costellato la sua vita. Venturi scoprirà allora che ciò che rimane di tutto il suo edificio esistenziale non è altro che un cumulo di macerie. Dalla vicenda del dottor Venturi traluce un’impietosa analisi della professione medica entro le coordinate di un mondo dominato dalla tecnica e dal carrierismo.

*Il Teatro Officina aderisce all’iniziativa promossa dall’Università Statale di Milano Teatro, Cinema, Concerti…in BICI biglietto ridotto.
Il sabato alle 21.00 e la domenica alle 16.00 biglietto ridotto a 7,00€ a chi viene a teatro in BICI presentando alla cassa la chiave del lucchetto della bicicletta e/o l’abbonamento BikeMi, previa prenotazione su http://www.teatroofficina.it/it/Richieste/new, inserendo nel commento “In Bici”.

Top