Seminari Massimo De Vita

Seminari_ schiarita_IMG_5513

 

SEMINARI TEATRALI TENUTI DA MASSIMO DE VITA ANNO SCOLASTICO 2016-2017

LA LETTURA INTERPRETATIVA (20 ore con un massimo di 7 allievi)

Il seminario teatrale è applicato sia alla poesia che alla narrazione. Un approccio interpretativo che intreccia corpo e parola, partendo dalla disponibilità all’ascolto delle voci e degli sguardi degli altri, siano essi concrete persone che incontriamo nella nostra vita o personaggi teatrali.

Un weekend a scelta (venerdì ore 19-23, sabato e domenica ore 10-13 e 15-20) tra le seguenti opzioni:

28-29-30 ottobre, 27-28-29 gennaio, 24-25-26 marzo, 26-27-28 maggio

LE FORME DEL COMICO (20 ore con un massimo di 7 allievi)

Dalla commedia dell’arte alla costruzione del personaggio in Goldoni e Moliere, fino a grandi attori comici del 900 come Petrolini e Totò. Un excursus dentro le forme della comicità alla scoperta dei meccanismi e dei ritmi teatrali che sostanziano il comico teatrale.

Un weekend a scelta (venerdì ore 19-23, sabato e domenica ore 10-13 e 15-20) tra le seguenti opzioni:

25-26-27 novembre, 24-25-26 febbraio, 28-29-30 aprile

Le iscrizioni sono aperte dal mese di settembre
I seminari si terranno presso la sala del Teatro Officina di Milano via Sant’Erlembaldo, 2 (MM1 Gorla – Bus 44)

Per informazioni ed iscrizioni
TEATRO OFFICINA
Via Sant’Erlembaldo, 2 – 20126 Milano
Tel. 02.25.53.200 – Fax 02.27.00.08.58 – Cell. 349.16.22.028
E-mail: info@teatroofficina.it

Dicono di Massimo de Vita.
“Avevo 23 anni, avevo già seguito un paio di corsi e credevo di avere già capito tutto, o quasi. Con grande dolcezza lui non fece altro che smontare i miei stereotipi per aiutarmi a trovare il “mio modo”. Con lui ho imparato cos’è, davvero, il lavoro sulle emozioni. Anche dopo anni di mestiere, nei momenti di difficoltà, il mio pensiero corre lì”.
Caterina Pontrandolfo, attrice
“De Vita è un maestro straordinario. È entusiamante lavorare e imparare insieme a lui. Scegliere di frequentare la sua scuola è probabilmente la cosa migliore che io abbia fatto”.
Antonio Grazioli, attore e regista televisivo
“…Massimo un giorno, mentre stavo pulendo per terra, mi chiamò a provare con lui sul palco. Quello che sono adesso l’ho imparato quasi tutto lì, sia come persona che come attore”.
“Pierino”, oggi Pietro Caburosso, attore
 
“Massimo mi ha insegnato cos’è il teatro. Da lui ho imparato la tenacia, l’infaticabilità, il “non mollare mai”, dentro e fuori dalle scene. È questo il teatro che amo di più”.
Francesco Mazza, attore, musicista, operatore teatrale presso il carcere di San Vittore di Milano
 
“Difetti? È pigro, ipocondriaco e soprattutto cocciuto, fino all’autolesionismo. Ma credo sia per questo che è rimasto puro”.
Maurizio Meschia , poeta ed editorialista
“Io non ho mai voluto fare l’attrice, ma al Teatro Officina sono stata catturata dal calore umano, dalla pazienza, dall’attenzione che De Vita riesce a dare a ogni persona”.
Daniela Fornari, ex allieva
Top