TI RACCONTO IL MIO MONDO

Prenota per:

Sun 3 February 2019 alle 17:30

Scegli tra una delle date disponibili per l'evento

3 febbraio 2019 ore 17:30
TI RACCONTO IL MIO MONDO – Racconti per conoscere e comprendere il mondo degli ipovedenti – NUOVA PRODUZIONE

In collaborazione con Associazione Retina Italia Onlus
A cura di Pierluigi Durin
Con Daniela Airoldi Bianchi e Pierluigi Durin
Produzione Teatro Officina

Una società che pretende di assicurare agli uomini la libertà, deve cominciare col garantire loro l’esistenza
L. Blum

“Ti racconto il mio mondo” è un progetto nato per rispondere ad un duplice obiettivo.
Il primo obiettivo è legato all’esigenza di far conoscere che cos’è l’IPOVISIONE, condizione che coinvolge molti soggetti molto spesso causata da patologie
degenerative ereditarie e far comprendere la diversità nel modo di percepire il mondo.
Nella nostra società la comunicazione è basata soprattutto su immagini che scorrono velocemente, mentre una persona ipovedente ha bisogno di più tempo e più spazio per poter afferrare un messaggio visivo; chi vive una disabilità sensoriale (visiva e visiva-uditiva), nonostante le difficoltà, mantiene una straordinaria capacità di adattamento.

Consideriamo l’informazione verso l’esterno un passo importantissimo verso l’integrazione e l’accettazione delle nostre patologie: lo spettacolo è quindi un percorso che come in un puzzle di frammenti di vita racconta il nostro mondo. Lo racconta attraverso storie, molte di esse di natura biografica, che ci rivelano come, in contesti sociali, culturali e geografici diversi, ognuno di noi reagisce alla diagnosi di una patologia e come affronta la vita con un deficit sensoriale. Raccontiamo il nostro mondo attraverso la poesia che non trova come argomento necessariamente la disabilità sensoriale: la poesia esprime i nostri sentimenti, siano essi d’amore o di rabbia, e i nostri stati d’animo (desideri, paure, speranze…).

Il secondo obiettivo del progetto “Ti racconto il mio mondo” è più introspettivo e riguarda il bisogno, per noi che viviamo la disabilità sensoriale, di confrontarci. Anche questo è un passo importantissimo per l’integrazione e l’accettazione. Il confronto attraverso il racconto è un modo terapeutico di “guarigione”. Spesso vivere con una disabilità ci fa sentire come prigionieri in un corpo, con la sensazione di non essere compresi, di non poter mai raggiungere davvero la libertà. Raccontare è come aprire una finestra al mondo per dare la possibilità di comunicare agli altri e a noi stessi la nostra voglia di esserci e di vivere.

***
RETINA ITALIA ONLUS
È l’Associazione Nazionale per la lotta alle distrofie retiniche ereditarie e aderisce a Retina International, alla FISH, ed è Associazione  amica di Telethon. Le distrofie retiniche comprendono un gruppo di malattie rare ereditarie caratterizzate dalla progressiva degenerazione delle cellule fotosensibili della retina, in entrambi gli occhi, e in molti casi si presentano in maniera sindromica con altre patologie. Queste patologie portano progressivamente e, quasi nella totalità dei casi, alla cecità o, al meglio, ad una visione cosiddetta tubolare.
A tutt’oggi non c’è cura, né farmaci che siano in grado di arrestarne la progressione degenerativa.

Ingresso a offerta libera con tessera associativa gratuita. Prenotazione necessaria e gratuita su questo sito.


Top