TEATRO CON IL CAPPELLO

Menù di brani à la carte
Regia di Massimo de Vita

Sui marciapiedi, nei cortili, agli angoli delle piazze, il Teatro Officina propone una formula di spettacolo in cui il pubblico viene coinvolto attivamente, potendo scegliere un brano a piacere dal menù teatrale che gli attori recitano à la carte. Un menù davvero ricco, che comprende materiali di umoristi del ’900, scenari della Commedia dell’Arte, testi della grande tradizione dialettale (dal Porta al Belli agli autori in lingua veneziana) e del panorama poetico internazionale, schegge dai libri sacri delle tre religioni monoteiste (Torah, Bibbia e Corano) brani di letteratura dedicati al calcio, il più “globale” e “popolare” degli sport. In tutti i sensi, perché – quando si nutre dell’autentico spirito ludico e agonistico – il calcio è capace di affratellare popoli e paesi diversi, dai campetti delle periferie del mondo agli stadi delle odierne megalopoli. Per finire, una testimonianza sulla tragedia della ThyssenKrupp avvenuta nel dicembre del 2007. Uno spettacolo interattivo che, pur condotto su un registro leggero, intende offrire spunti seri di riflessione: l’intercultura, il dialogo interreligioso, la speranza per i giovani immigrati di affrancarsi dalle difficoltà e dalle miserie dell’oggi attraverso esperienze di socialità partecipata.

In occasione dei 40anni del Teatro Officina lo spettacolo è stato rappresentato anche al Teatro Elfo Puccini di Milano.
Cliccando qui potete vedere il video dell’evento.

Top