LA PROFEZIA ALLE SPALLE

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

In memoria di Pier Paolo Pasolini

Dialogo a distanza su pagine di Pier Paolo Pasolini scelte da giovani nati nel 2000

Pier Paolo Pasolini è figura che ha accompagnato per decenni il percorso artistico e culturale del Teatro Officina. Per noi, generazione dei “padri”, Pasolini è stato –  persino banale dirlo – un profeta: il trionfo del consumismo, la devastazione culturale indotta dalla televisione, la mutazione antropologica in corso nella nostra  società, la logica del Potere, sono le macerie  – da lui esattamente descritte con spietata e lucida preveggenza –, le rovine fra cui ancor oggi ci aggiriamo.

In  Lettere Luterane  Pasolini crea un immaginario interlocutore, un adolescente napoletano di nome Gennariello, a cui destina le sue riflessioni pedagogiche sui nuovi giovani, quelli  che – con strazio e disperazione – giunge a definire “mostri”.

Come risuona tutto ciò nei cuori  dei giovani nati nel Duemila? Quelle parole – per noi “padri” così chiare e nette  – cosa muovono se vengono rilanciate oggi ai “figli” di quella stessa profezia? Si riconoscono e sentono la profezia, pur nelle opportune distinzioni,  attuata e reale?

A 40 anni dalla sua morte, il Teatro Officina riparte da qui, da cosa i figli pensano del pensiero amorevole e disperato di un padre profetico e forse incomprensibile.

Brani dei testi di Pasolini vengono scelti, letti  e commentati dai Gennariello di oggi, in carne e ossa, che finalmente prendono parola e dicono.

 

 

Domenica 1 novembre 2015 ore 16.00 Lunedi 2 novembre ore 21.00

LA PROFEZIA ALLE SPALLE

Con i giovani del Laboratorio per adolescenti del Teatro Officina Il centro dell’emozione | Testimonianze audio e video su Pier Paolo Pasolini scelte e selezionate dai giovani stessi | Regia di Daniela Airoldi Bianchi | Produzione Teatro Officina

Ingresso: 10 euro comprensivo di tessera associativa

Prenotazione: necessaria e gratuita su www.teatroofficina.it

LA PROFEZIA ALLE SPALLE

Prenota per:


Scegli tra una delle date disponibili per l'evento

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

In memoria di Pier Paolo Pasolini

Dialogo a distanza su pagine di Pier Paolo Pasolini scelte da giovani nati nel 2000

Pier Paolo Pasolini è figura che ha accompagnato per decenni il percorso artistico e culturale del Teatro Officina. Per noi, generazione dei “padri”, Pasolini è stato –  persino banale dirlo – un profeta: il trionfo del consumismo, la devastazione culturale indotta dalla televisione, la mutazione antropologica in corso nella nostra  società, la logica del Potere, sono le macerie  – da lui esattamente descritte con spietata e lucida preveggenza –, le rovine fra cui ancor oggi ci aggiriamo.

In  Lettere Luterane  Pasolini crea un immaginario interlocutore, un adolescente napoletano di nome Gennariello, a cui destina le sue riflessioni pedagogiche sui nuovi giovani, quelli  che – con strazio e disperazione – giunge a definire “mostri”.

Come risuona tutto ciò nei cuori  dei giovani nati nel Duemila? Quelle parole – per noi “padri” così chiare e nette  – cosa muovono se vengono rilanciate oggi ai “figli” di quella stessa profezia? Si riconoscono e sentono la profezia, pur nelle opportune distinzioni,  attuata e reale?

A 40 anni dalla sua morte, il Teatro Officina riparte da qui, da cosa i figli pensano del pensiero amorevole e disperato di un padre profetico e forse incomprensibile.

Brani dei testi di Pasolini vengono scelti, letti  e commentati dai Gennariello di oggi, in carne e ossa, che finalmente prendono parola e dicono.

 

Domenica 1 novembre 2015 ore 16.00 Lunedi 2 novembre ore 21.00

LA PROFEZIA ALLE SPALLE

Con i giovani del Laboratorio per adolescenti del Teatro Officina Il centro dell’emozione Testimonianze audio e video su Pier Paolo Pasolini scelte e selezionate dai giovani stessi  Regia di Daniela Airoldi Bianchi | Produzione Teatro Officina

Ingresso: 10 euro comprensivo di tessera associativa

Prenotazione: necessaria e gratuita su www.teatroofficina.it


Top