Chiacchieratine con Sandro Bajini

La prenotazione è nominale e vale per un solo posto in sala.

Dialogo con Massimo de Vita
24 gennaio ore 17.30 video sul nostro canale YouTube
Riprese video e montaggio
Enzo Biscardi

Con “Chiacchieratine con Sandro Bajini” riprendiamo un percorso che ci porterà il prossimo anno a festeggiare il mezzo secolo di vita del Teatro Officina, curiosando tra progetti, spettacoli e incontri.
Iniziamo questo viaggio con il grande drammaturgo e scrittore Sandro Bajini che si racconta in un fraterno dialogo con l’amico Massimo de Vita.
La chiacchierata si dipana tra il ricordo di collaborazioni, spettacoli, esperienze comuni con compagni e amici di allora, con divagazioni sulla musica, grande passione di Sandro Bajini, e anche sullo sport e in particolare sulla sua amata Inter.
Nel video Bajini legge anche passi di “Chiacchieratine con Ernestino”, scritto per suo nipote Ernesto quando era un bimbo (ed ora è un giovane ragazzo che dialoga con lui nel video)

L’appuntamento video viene presentato e offerto sul nostro canale YouTube il 24 gennaio alle ore 17,30.

Le première verranno pubblicizzate sui nostri social Facebook e Instagram ai quali si rimanda per il link diretto.

SANDRO BAJINI
Drammaturgo, narratore e scrittore, laureato in medicina, si è dedicato interamente alla scrittura fin dagli anni ’60: ha tradotto Molière, Marivaux, Feydeau, Ionesco, è stato autore di testi satirici per il teatro che gli valsero talvolta le ire della censura (Come siam bravi quaggiù, con Vittorio Franceschi, 1960, Il capitale morale, 1961), talvolta metaforici e amaramente ironici (Dinner, con Gina Lagorio, 1983), e successi acclamati come MefistoValzer con Tino Buazzelli (1977) Bajini spazia attraverso molte attività: dalla saggistica teatrale per l’editore De Angeli (è stato per decenni insegnante di Storia del teatro all’Accademia dei Filodrammatici), all’attività editoriale (è stato responsabile della Sezione Teatro per Garzanti), agli interventi giornalistici (ha diretto Tempo medico) fino alla poesia e alla narrativa, agli spettacoli di marionette per Gianni Colla (La regina della neve, con scene e costumi di Luigi Veronesi, 1988-89).
Giocati sul paradossale, sul satirico, sull’umorismo nero, i testi di Bajini sono costruiti attraverso aforismi, trovate, jeux de mots.

Top